Canti di protesta

Posted on 19 settembre 2010

1


SCUOLA MIA ( si canta sulle note di Romagna mia )

Io mi domando ancor, tempo è passato

Ma a te là sopra, nè ,chi ti ha mandato

Tutta la scuola ci hai scombussolato

Noi la vogliamo più bella

La scuol non è quella

Che vuoi fare tu.

Oh scuola mia, scuola mia bella

Tu non sei quella che voglio io

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager:

Oh scuola , oh scuola mia

Se non ti svegli

Che pesci pigli !

Hai detto che la scuola era malata

E invece di curarla l’hai uccisa

Tutta alle aziende l’hai regalata

Ora già l’hai divisa

La scuola è derisa

E non fa più per me.

Oh scuola mia, scuola mia bella

Tu non sei quella che voglio io

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager

Oh scuola, scuola perduta

Se non ti svegli

Sei già fottuta !

Ora non conta più quel che hai insegnato

Adesso conta sol l’apprendistato

E in questo modo quanto ci hai fregato

Or’ si è fatta l’azienda

Si compra e si vende

E non fa più per me…..

Oh scuola mia, scuola mia bella

Tu non sei quella che voglio io

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager.

Oh scuola,scuola perduta

Se non ti svegli

Sei giàfottuta !

Oh scuola,scuola perduta

Se non ti svegli

Sei già fottuta !

LA SCUOLA E’ TUTTA QUI ( Sulle note di: La vita è tutta un quiz )

Sì la scuol sarà così

Col prof in classe ad insegnare

E non fuori a progettare

Una scuola sol virtuale.

Sì la scuol sarà così

Diamole un ciclo più naturale

Se no faremo una scula che non vale

Ma tanto a che gliene cale.

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sarà più nera la tua carriera

Perchè la scuola è diventata un’azienda

E ti assicuro è una sporca faccenda.

Sì progetta ciò che vuoi

Povera scuola che fine fai

Stai passando solo guai

Senza migliorare mai;

Ma la vogliono così

Con la funzione che non funziona

E che non centrerà mai un obiettivo

Però c’è un gruzzolo in arrivo.

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sarà più nera la tua carriera

Perchè la scuola è diventata un’azienda

E ti assicuro è una sporca faccenda.

Caro prof fa’ così

Non insegnare,progetta in fretta

Al tuo alunno non pensare

E milioni tu puoi fare.

Ma non la vogliam così

Diamole un ciclo più naturale

Perchè con questo ciclo riformato

Si fa una scuola riciclata.

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sarà più nera la tua carriera

Perchè la scuola è diventata un’azienda

E ti assicuro è una sporca faccenda.

SCUOLA CIAO

Mio caro prof, muore la scuola

Oh scuola ciao,scuola ciao,scuola ciao

Ciao ciao ciao

Mio caro prof, muore la scuola

Adesso devi fare il POF

E co sto’ POF, mio caro prof

Oh scuola ciao, scuola ciao, scuola ciao

Ciao ciao ciao

E co’ sto POF, caro il mio prof

La scuola sta facendo PAF.

I’ mo’ so’ stuff’, chist’è nu’ bluf

Oh scuola ciao, scuola ciao, scuola ciao

Ciao ciao ciao

I’mo’so’ stuff’ ,chist’è nu’ bluf

I’ t’ vuless’ regn’ ’e buff

Chest’ n’è scol’, chest’è na beff

Oh scuola ciao, scuola ciao, scuola ciao

Ciao ciao ciao

Chest’ n’è scol’ , chest’è na beff

Lui della scuol’ se ne fa un baff’.

Lui della scuola se ne fa un baffo

Oh scuola ciao, scuola ciao, scuolaciao

Ciao ciao ciao

Lui della scuola se ne fa un baffo

E tu sì prof quann’ arraff’.

I’ mo’ so’ stuff’,chest’è na truff’

Oh scuola ciao,scuola ciao, scuola ciao

Ciao ciao ciao

I’ mo’ so’ stuff’ chest’è na truff

E tutt’ i prof fanno UFFA

I’ mo’ so’ stuff’, chest’è na truff

E tutt’ i prof fanno UFFA!

Lacr’m’ rind’e scol’ ( sulle note di Lcr’m’ napulitan’ )

Mia cara madre

Sta p’ venì Natal’

E ancor’ nun c’è nient rind’e scol’

Facit’l’ capi’ a chillu babbeo

Ca voglj nu stipendj europeo:

’E ninn’ miej n’ ponn’ accatta’ ’o pan’

e i’ p’ guadagna’ stongh’ luntan’

p’cchè m’ dann’ sul’ quatt’ lir’

e mo’ m’ vonn’ fa’ semp’ chiù nir’.

E ’n c’ ne cost’ lacr’m’ sta’ scol’

A tutt i pr’f’ssur’

Nu tengh’ p’ magnà fin’ a diman’

E comm’ è poch’ ‘stu pan’.

M’avit’ scritt’

c’a p’cc’rella chiagn’

ce fa assaj paur’ ’manager

e po’ s’ sent’ tutta ’pappinat’

miezz’ a tutta sta’ scol’ mbriacat’

vuless’ ca turnass’ la FALCUCCI

ca pa’ scol’ italian’ er’ na mamma

e pur’ si ’criatur’ er’n’ ciucc’

cantav’ a tutt’ quant’ a ninna nanna.

E ce n’ cost’ lacr’m’ sta’scol’

A tutt’e pr’f’ssur’

Nu tengh’ p’ magna’ fin’ a diman’

E comm’è poch’ stu pan’.

M’avit’ scritt’ ch’Asunt’lella chiagn’

E chiagn’ e chiagn’ p’cchè cerch’ a mamma

Facit’l’ turnà a chella signora

Ca ven’ aggiustà’ i cos’ rind’a scol’.

I’ no, i’ no nu torn

I rest’ sul’

E rest’ a faticà p’ tutt’ quant’

I’ cagg’ pers’ cas’ patrj e scol’

I so’ carn’e macilell’

I’ so’ insegnante.

E ce n’ cost’ lacr’m’ sta scol’

A tutt’ i pr’f’ssur’

Nu tengh’ p’ magnà fin’ a diman

E comm’ è poch’ stu pan’.

SCUOLA MIA ( Sulle note di Romagna mia )

Io mi domando ancor, tempo è passato’

Ma a te lì sopra, nè, chi ti ha mandato,

tutta la scuola ci hai scombussolato

noi la vogliamo più bella

la scuol non è quella

che vuoi fare tu.

Oh scuola mia, scuola mia bella

Tu non sei quella che voglio io;

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager.

Oh scuola, oh scuola mia

Se non ti svegli

Che pesci pigli!

Han detto che la scuola era malata

E invece di curarla l’hanno uccisa;

Tutta alle aziende l’hanno regalata,

or già l’hanno divisa

la scuola è derisa

e non fa più per me.

Oh scuola mia, scuola mia bella

Non sei più quella che voglio io

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager;

Oh scuola, scuola perduta,

se non ti svegli

sei già fottuta !

Ora non conta più quel che hai insegnato,

adesso conta sol l’apprendistato

e in questo modo quanto ci hai fregato,

ora si è fatta l’azienda :

si compra e si vende e non fa più per me.

Oh scuola mia, scuola mia bella

Non sei più quella che voglio io

L’autonomia non è armonia

È solo guerra col manager

Oh scuola, scuola perduta

Se non ti svegli

Sei già fottuta!

Oh scuola, scuola perduta

Se non ti svegli

Sei già fottutta !

LA SCUOLA E’ TUTTA QUI ( Sulle note di La vita è tutto un quiz )

Sì la scuol sarà così

Col prof in classe ad insegnare

E non fuori a progettare

Una scula sol virtuale.

Sì lascuol saràc osì

Diamole un ciclo più naturale

Se no faremo una scuola che non vale

Ma tanto a lui che gliene cale:

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sempre più nera la tua “ carriera“

Perchè la scuola è diventata un’azienda

E ti assicuro è una sporca faccenda.

Sì progetta ciò che vuoi

Povera scuola che fine fai

Stai passando solo guai

Senza migliorare mai;

Ma lavogliono così

Con la Funzione che non funziona

E che non centrerà mai un obiettivo

Però c’è un gruzzolo in arrivo.

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sarà più nera la tua carriera

Perchè la scuola è diventata un’azienda

E ti assicuro è una sporca faccenda.

Caro prof fa così

Non insegnare, progetta in fretta

Al tuo alunno non pensare

E milioni tu puoi fare:

Ma noi la vogliam così

diamole un ciclo più naturale

perchè con questo ciclo riformato

si fa una scuola riciclata!

Aspetta e spera

Sempre più nera

Sarà più nera la tua carriera

Perchè la scuola è diventata un’azienda

Econterà solo chi prende !

GUAPPARIA

Sc’tat’v’ ’ncopp’a stù minister’

So’ già trent’ann’ ca so’ pr’f’ssor

Però, chi ’o sap’ ?.,è proprj nu mister’

Là ‘ncopp’ nun c’ sta’ gent’ d’onor’.

Mo’ ch’ha purtat’ sta mericanat’

E dic’ ca vo’ a scol’ riformat’

Però ancor’ na vot’ ci’ha mbrugliat

Chest’è sul’ na scol’ riciclat’

Scetat’v’ uagliun’ rind’a stì scol’

Tataratatata……………….

Scetat’v’ uagliun’ rind’e scol’

Scennit’ tutt’ quant’ mmiezz’a via

I’ voglj luttà pur’ si so’ sul’

Contr’ stà maledetta autonomia.

I’ vuless’ fa’ ancor’ ’o pr’f’ssor’

Mò vonn’ ca i’ facc’u mprenditor

Chest’ però è sultant’ na pazzij

Ca sta struienn’ tutt’a scola mij.

Scetat’v’ uagliun’rind’ e scol’

Tataratatatatatatata………………..

Scetat’v’ uagliun’ rind’e scol’

Facimm’ ’e pr’fssur e no ’m’rcant

P’cchè si nu facimm’ a vera scola

Nisciun’ po’ da’ chiù nu pass’ annant’.

E allor’ uagliunciè vuttat’ ’e man’

E n’aspetamm’, no, fin’a diman.

Nisciun’ t’ po’ dì : Chi t’ha mannat ?

E vuot’l’ sott’ e ’ncopp’ stu mercat !

Scetat’v’ uagliun’ rind’a sta scol’

Tataratatatatatatata………………….

Scet’t’ pr’fsso’ rind’a stì scol’

E nu ghj’ appriess’ chiù ’e sindacat’

T’o boglj ric’ sul’ na vota sola

Chest’ n’è chiù na scola è nu mercat:

Perciò finchè c’ sta stì ‘nfamità

Ca vonn’ fa’sul’ a scola privat’

Si n’ s’ po’ fa’ nient’ p’ cagnà

Cacciat’mmenn’ a rind’ a suggietà.

Scet’t’ professo’ rind’a stì scol’ !

STO SEMP’ CA ( Sulle note di Guaglion’ )

Sto’ semp’ ca, chiantat’ ca’

A ‘stu gradon

So’ già trent’ann’ ca sto’ca’

Nu stongh buon’.

Oi p’cc’rì che ven’a di’

st’autonomia

t’ fa’ avv’li’,c’è tiemp’ oilì

pe t’ paha’.

Nuj vuless’m’ avanza’

Non si può,non si può

M’ vuless’ fa’ pahà

Non si puo’, non si può

Però n’ s’ po’ scattà

O vuless’ fa’ schiattà.

O vuless’ fa’schiattà

Sì si puo’, sì si puo’

Ma quant’ann’ hanna passa’

Non si sa, non si sa

I’ là ncopp’ voglj i’

N’ s’ po’ di’, n’ s’ po’ di’

Ma la faute c’est à qui ?

C’est la faute au ministère

Ministè, ministè

C’est la faute au sindacat’

Sindacà, sindacà

Quanta uai hamm’ passat’

E va buo’, e va buo’,

mo’ facimm’ la privat’.

I’ mo’ facc’ la privat’

Disgraziat, disgraziat,

e ’o ministr’ mo’ fa ‘o BUON’

e va bbuo’ e va bbuo’

mo’ fa ’ o Buon’ ca privat’

so’ ncazzat’, so’ ncazzat’

i’ perciò m’ so’ ncazzat’.

Dimm’ tutt’a verità

Già si sa,già si sa

P’cchè tu n’ vuo’ pahà

Nunn’o ffa’,nunn’o ffa’

Tu m’ vuo’ arruvinà

Ruvinà, ruvinà

Ma l’Europa nè addò sta’.

Ma l’Europ’ nè addò sta’

Ca n’ pozz’ chiù magnà

Chiù magnà, chiù magnà

P’cchè nu s’po’ campà.

Sto’ semp’ ca’, p’ prut’stà

Mmiezz’a sta’ vij

Comm’aggia fa’

Nu s’adda fa’

Sta autonomia !

LA MARSIGLIESE

Marciamo prof sul ministero

Andiamo a fare gran casin

Noi porteremo grande bottino

Per la gioia di noi professor

Per la gioa di noi professor

Udite udite che scagliano tuoni

Dan colpi senza pietà

E marcian proprio fino a qua

Prendendo tutto ciò che noi abbiamo.

Marciam professori

Lottate con noi

Marciam, marciam

Ch’aria più pura

Entri nella tua scuol!

Annunci